NATIONAL GALLERY LONDRA, REMBRANDT

Durata file audio: 2.48
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Adesso ti parlerò di tre quadri di Rembrandt van Rijn, il più grande dei pittori olandesi del ‘600. Incominciamo dal più piccolo, dipinto nel 1654: è la Giovane donna che si bagna in un ruscello, da sempre una delle opere più amate dell’artista.

Con pennellate veloci e corpose, Rembrandt ti mostra una giovane che si alza la veste per fare il bagno in un laghetto e osserva sorridendo il proprio riflesso. È un’immagine molto intima e spontanea, tanto nella posa che nella tecnica pittorica usata. Secondo un’ipotesi la fanciulla era l’amante di Rembrandt. Tuttavia, il ricco mantello color oro e rosso vivo posato sulla riva farebbe pensare piuttosto a una scena biblica con Susanna o Betsabea, o a una raffigurazione mitologica della dea Diana.

 

Sempre in questa sala, passa ora a un altro quadro di Rembrandt, intitolato Il festino di Baldassarre.

 

Fu dipinto intorno al 1630, in un periodo in cui le opere del pittore sono ricche di luce, colore e figure monumentali. La scena è tratta dalla Bibbia: Baldassarre, re di Babilonia, è raffigurato al centro mentre esorta gli invitati del suo banchetto a bere dalle coppe d’oro e d’argento appena razziate nel tempio di Gerusalemme. Ma a un tratto nell’aria compare una mano che scrive sul muro una frase misteriosa: la frase preannuncia la fine del regno di Baldassarre in quella notte stessa. Rembrandt cattura l’attimo più drammatico, quando il re si gira atterrito a guardare il prodigio. Il suo movimento improvviso spaventa anche gli altri: i calici si rovesciano, Baldassarre dà un pugno sul piatto di metallo, gli ospiti urlano. Solo il musicante sullo sfondo continua a suonare senza accorgersi di niente.

 

Passa ora al terzo quadro, l’Autoritratto all’età di trentaquattro anni, che segna il momento più felice nella vita e nella carriera dell’artista.

 

Firmata e datata sul parapetto, l’opera ti presenta il pittore riccamente vestito con una giacca bordata di pelliccia, una camicia ricamata e un largo cappello di velluto decorato da una catena d’oro. Confrontalo con l’altro Autoritratto presente in questa sala, dipinto a sessantatré anni, poco prima della morte. Anche la pittura, sfatta e sfibrata, sottolinea in modo intimo e profondamente poetico il declino fisico dell’artista.

 

CURIOSITÀ: L’Autoritratto all’età di 34 anni si ispira a un dipinto di Raffaello, che Rembrandt aveva visto ad un’asta ad Amsterdam, senza riuscire ad aggiudicarselo. Così, per consolarsi, decise di dipingerne uno uguale!

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su