CHI LIN NUNNERY, Visita

Durata file audio: 3.14
Italiano Lingua: Italiano

La caratteristica principale del tempio è l’elegante semplicità del legno scuro di cui è costituito. I magnifici tetti spioventi, ricchi di particolari finemente intagliati, sono decorati con dettagli dorati.

Il grande monastero si sviluppa principalmente intorno a tre cortili situati uno di seguito all’altro. Si accede al primo attraversando la Porta della Montagna.

Appena varcato l’ingresso ti accoglie il magnifico Giardino del Loto, un cortile con quattro laghetti in cui galleggiano fiori di loto e ninfee. Il loto ha molta importanza nella cultura buddista perché rappresenta la purezza. Ai lati del cortile ci sono dei portici coperti e ovunque una gran varietà di bonsai in vaso e fiori.

 

Ora metti in pausa, attraversa il cortile e riavvia quando avrai raggiunto la Sala dei Re Celesti.

 

Al centro di questa sala puoi vedere la statua del Buddha, seduto su un altare, circondato dalle sculture raffiguranti i Re Celesti, ossia i quattro punti cardinali, che proteggono dal male il tempio.

 

Metti in pausa mentre ammiri questo ambiente e riavvia quando sei pronto ad uscire.

 

Uscendo accedi al secondo cortile attorno al quale noterai cinque sale. A destra ci sono due ambienti, dedicati ad alcuni bodhisattva, di cui ti ho fatto cenno nel file precedente, uno con una torre campanaria e l’altro che ospita una particolare rappresentazione del “Buddha della medicina”. A sinistra altre due sale custodiscono le statue di Jia Lan, il “guardiano” degli insegnamenti del Buddha, e della Dea della misericordia Kwun Yam.

 

Ora metti in pausa e raggiungi la sala principale del tempio, in fondo al cortile.

 

Qui trovi  cinque statue dorate: al centro vedi Buddha, rappresentato seduto, affiancato da quattro bodhisattva, due in piedi e due seduti.

La costruzione di questa sala ha richiesto particolari tecniche per poter distribuire l’enorme peso del tetto di ben 176 tonnellate, costituito da 28.000 tegole d’argilla, sulle 28 colonne fatte di legno di cedro!

Oltre questa straordinaria struttura c’è un terzo cortile attorno al quale si trovano tre sale e la pagoda dei Diecimila Buddha, ma purtroppo non è aperto al pubblico, dovrai accontentarti di immaginare quanto possa essere meraviglioso!

 

Curiosità: Sai perché in Cina l’immagine del Drago è ricorrente negli edifici sacri? Perché è simbolo di saggezza, potere e fortuna.

 

Finisce qui la nostra visita al monastero Chi Lin: MyWoWo ti ringrazia e ti dà appuntamento a un'altra Meraviglia del Mondo!

 

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su