MUSEO DEL LOUVRE, STELE DI HAMMURABI ALA RICHELIEU SALA 3

Durata file audio: 2.41
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Sei davanti a una delle opere più emozionanti del Louvre, la stele in cui è inciso il cosiddetto Codice di Hammurabi, ovvero la prima raccolta di leggi scritte della storia dell’umanità.

Ritrovata all’inizio del ‘900 a Susa, nell’attuale Iran, la stele è un grande blocco di basalto alto più di due metri. Fu incisa a Babilonia, nell’attuale Iraq, intorno al 1760 a.C. e circa tremila anni più tardi portata nella città iraniana come bottino di guerra. Il basalto è una roccia vulcanica molto dura e difficile da lavorare, per questo è ancora più sbalorditiva la precisione con cui il codice legislativo è stato inciso nella pietra.

Oltre a trasformare Babilonia in una capitale ricca e celebre in tutta la Mesopotamia, Hammurabi fu il primo sovrano a decidere di convertire le regole che prima erano tramandate oralmente in un vero e proprio codice di leggi.

La stele è divisa in due parti: in quella superiore vedi due figure in rilievo, in quella inferiore il testo delle leggi. La figura che vedi in piedi sulla sinistra è appunto Hammurabi, mentre riceve simbolicamente le leggi dal dio solare Shamash, patrono della Giustizia, riconoscibile dalle fiamme alle sue spalle. Come puoi notare, i due personaggi sono ritratti in modo rigido e squadrato, molto poco “naturale”, cosa che ti fa capire come l’arte babilonese mirasse a raffigurare scene e personaggi facilmente riconoscibili, senza preoccuparsi troppo della verosimiglianza.

Il testo che vedi nella parte sottostante è in caratteri cuneiformi, tracciati con una grafia molto elegante, e riporta 282 leggi suddivise in capitoli. Il contenuto riguarda vari ambiti della convivenza umana e diverse categorie di reati. La regola che guida la maggioranza delle norme è la cosiddetta legge del taglione, ovvero la facoltà di restituire in pari misura un danno a chi te lo ha causato intenzionalmente. Insomma, “occhio per occhio, dente per dente!”

La parità della pena riguardava solo persone dello stesso livello sociale. Se a un nobile viene ucciso un figlio da un individuo di pari rango, questi potrà vendicarsi uccidendogli a sua volta il figlio. Se invece l’ucciso è uno schiavo l’omicida se la cava con un’ammenda.

 

CURIOSITÀ: Nel codice di Hammurabi la cosiddetta legge del taglione riguardava perfino la legge sul vino, infatti i venditori di vino fraudolenti venivano puniti con l’annegamento in un fiume. Insomma, chi aggiungeva acqua al vino, moriva nell’acqua!

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su