NOTRE DAME, PIAZZA

Durata file audio: 2.40
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Ciao, sono Paolo, la tua guida personale, ed insieme a MyWoWo ti diamo il benvenuto ad una delle meraviglie del mondo.

Oggi ti accompagnerò nella visita della cattedrale di Notre-Dame.

Notre-Dame è una delle chiese più leggendarie di Parigi e del mondo!

Nel romanzo che le ha dedicato, lo scrittore Victor Hugo ha definito questa cattedrale “Una sinfonia in pietra, opera colossale di un uomo e di un popolo, prodotto prodigioso del concorso di tutte le forze di un’epoca”.

La tua visita inizia nella grande piazza di fronte alla facciata occidentale, il fronte principale. Il sagrato è attraversato dalla sempre affollatissima rue de la Cité, uno degli esiti del piano regolatore attuato dal barone Haussmann nella seconda metà dell’800: in precedenza, la grande cattedrale era immersa in un dedalo di stradine, di impronta medievale. 

Sul selciato davanti a Notre-Dame puoi vedere una stella in bronzo: è il cosiddetto ”point zéro des routes de France”/”punto zero delle strade francesi”, ovvero l’origine di tutte le vie, il punto da cui si calcola la distanza rispetto a ogni altra città francese. Le placche sulla pavimentazione stradale indicano l’antico sistema viario della città.

Dalla parte opposta del sagrato vedi la Prefettura, che è stata costruita sull’area dove sorgeva una locanda frequentata da letterati come Molière e La Fontaine.

Sul lato verso la Senna puoi ammirare la statua ottocentesca di Carlo Magno a cavallo, affiancato dai due paladini Orlando e Oliviero. Accanto hai il Petit Pont o “ponte piccolo”, il ponte più corto e più antico di Parigi. Risale all’epoca romana, è lungo solo 40 metri, e collega l’Ile de la Cité con la vicinissima rive gauche, quella del “quartiere latino”. Perfino sotto la pavimentazione calpestata da milioni di turisti c’è un museo: è la Crypte du Parvis Notre-Dame. Infatti grazie a scavi archeologici effettuati insieme ai lavori stradali sono emersi i resti di edifici millenari di varie epoche: si va dai muri di cinta della città romana alle fondamenta della prima cattedrale, di epoca medievale, fino ai resti dell’ospizio degli orfani del ‘700.

 

CURIOSITÀ: La leggenda racconta che un fabbro incaricato di fare le serrature e i perni delle porte della cattedrale, si accorse che il lavoro era troppo difficile e vendette l’anima al diavolo per finire in tempo. All’inaugurazione, però, le porte non si aprirono. Ci si riuscì solo dopo averci versato sopra dell’acqua benedetta.

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su