MUSEO ARCHEOLOGICO DI ATENE, AFRODITE EROS PAN SALA 30

Durata file audio: 2.33
Italiano Lingua: Italiano

Afrodite, Pan ed Eros, opera eseguita verso il 100 avanti Cristo, è una scultura molto diversa dalle altre, non come tecnica o materiale, ma per come è rappresentato il soggetto. Si tratta di un gruppo in marmo che riproduce tre creature mitiche: Afrodite, la dea dell’amore, Pan, una divinità selvatica mezzo uomo e mezzo capra, ed Eros, il dio dell’amore fisico e del desiderio, rappresentato come un bambino alato.

Difficile riconoscere in questa scenetta giocosa il senso del tragico e del sacro che ha caratterizzato tutte le opere che hai visto finora. Afrodite sta preparandosi a fare il bagno e si è perfino messa una fascia per raccogliere i capelli e non bagnarli. Improvvisamente Pan le si avvicina e comincia ad infastidirla, mentre Eros lo allontana ridendo, prendendolo per un corno.

Il volto di Pan è animalesco, il suo naso schiacciato, le orecchie appuntite e le gambe sono zampe caprine. Afferra la dea e col suo braccio robusto cerca di scostare la mano con cui lei tenta, in realtà non molto convinta, di coprirsi. Ma questa Afrodite, più che una dea dell’Olimpo, sembra una bella donna terrena, rilassata e tranquilla, per nulla impensierita del goffo assalto che respinge sorridendo, minacciando Pan per gioco con un sandalo.

L’artista ha voluto sottolineare scherzosamente la differenza tra la superba bellezza del giovane corpo femminile e il desiderio sessuale animalesco nella creatura selvatica.

Un’opera come questa ci fa comprendere che in quest’epoca l’arte era interessata a un mondo diverso, lontano dalla sublime concentrazione delle opere precedenti, ma anche più divertente e soprattutto più umano.

Il gruppo, realizzato in marmo, è stato trovato in una casa a Delo. Puoi ancora vedere alcune tracce di colore.

 

Curiosità: circa 200 anni dopo la realizzazione di quest’opera il famoso scrittore romano Plutarco affermò che Pan era morto. Voleva forse dire che era finito quel modo di rappresentare il mondo attraverso gli Dei dell’Olimpo che era stato il filo conduttore dell’arte fino ad allora. Ma come sai, aveva torto perché i temi classici hanno vissuto per secoli…

Finisce qui la nostra visita al Museo Archeologico. MyWoWo ti ringrazia e ti dà appuntamento a un’altra meraviglia del mondo.

 

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su