MUSEO ARCHEOLOGICO DI ATENE, KOUROS SALA 07

Durata file audio: 2.27
Italiano Lingua: Italiano

Il gigantesco Kouros di capo Sunio, ovvero ragazzo di capo Sunio, è una delle opere più impressionanti del museo. Supera i 3 metri di altezza e fu scolpito intorno al 600 avanti Cristo nel marmo di Naxos, un’isola dell’Egeo. Ma cosa può rappresentare e dove poteva trovarsi un’opera così? Pensa che è stata ritrovata solo nel 1906 in una fossa di fronte al magnifico tempio di Poseidone a capo Sunio, il promontorio più meridionale dell’Attica, affacciato sul mare in cima a una scarpata rocciosa. Fu sepolto dai Greci con altre sculture dopo che i Persiani, nel 480 avanti Cristo, avevano profanato il tempio e fatto a pezzi le statue.

Prima di quel momento terribile il giovane kouros si trovava di fronte al tempio, verso il quale svettava con possente sicurezza. Devi sapere che statue come quella che hai di fronte derivano da analoghe statue realizzate nell’antico Egitto dei Faraoni, statue che i Greci conoscevano bene perché commerciavano con gli Egizi.

Ma le statue egizie, anche quando rappresentavano un uomo che cammina, lo raffiguravano sempre appoggiato a qualcosa, come se non fosse in grado di camminare da solo. E qui sta il grandissimo passo avanti dei Greci: il giovane che cammina verso il tempio, cioè verso la casa del dio, è libero da ogni sostegno, prende possesso dello spazio e si muove senza aiuti. Ora capisci quale sia la differenza rispetto alle statue egizie da cui deriva.

Mentre nell’antico Egitto l’uomo era del tutto dipendente dagli Dei, nell’antica Grecia è visto come più autonomo. Staccandosi dal piano di appoggio che sosteneva le statue dell’antico Egitto, i Greci avevano posto al centro dell’universo il libero arbitrio dell’uomo.

Se osservi l’opera con attenzione vedrai che, per quanto appaia naturale, è ancora molto rigida: la testa è praticamente cubica, occhi, naso, bocca e orecchie, come petto, schiena e gambe sono molto schematici. Ma nonostante queste incertezze, il kouros rappresenta una scelta artistica che ha orgogliosamente intrapreso una strada che porterà lontano.

 

Curiosità: In una cava dell’isola di Naxos si trova un kouros, non finito e abbandonato, alto addirittura oltre 10 metri!

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su