SANTA CROCE, ESTERNO

Durata file audio: 2.35
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Se ti chiedi perché questa basilica francescana si chiama Santa Croce, devi sapere che prende nome e origine da un frammento della Santa Croce che fu regalato all’ordine francescano da re Luigi IX di Francia a metà del ’200. Prima di entrare nella chiesa, ti suggerisco di girarci intorno da fuori, ammirandone soprattutto i fianchi maestosi e le belle finestre gotiche. Intanto ti riassumo la sua storia.

L’attuale grandiosa basilica fu avviata sul finire del ‘200, probabilmente su progetto di Arnolfo di Cambio, il grande protagonista dell’architettura gotica a Firenze.

I francescani volevano un edificio semplice, e che potesse contenere molta gente. La sua struttura è luminosa e leggera. Per divulgare le verità della fede e l'esempio dei santi nel modo più schietto e persuasivo, ci si affidò alla pittura, coinvolgendo tutti i principali artisti trecenteschi di Firenze. Pensa che l’interno è ricoperto per due terzi da cicli di affreschi - una vera e propria “Bibbia dei poveri”: così erano definite nel medioevo le scene di episodi biblici e della vita di Gesù, che potevano essere capite anche dai molti che all’epoca erano analfabeti.

Pur rimanendo a lungo incompiuta in alcune parti, come la facciata e il campanile, la chiesa si è affermata come luogo privilegiato di sepoltura per le famiglie fiorentine, diventando il tempio dei personaggi illustri, soprattutto in campo artistico.

Il convento, che vedi sulla destra della chiesa, si è sviluppato e ingrandito nel corso del ‘400, con la realizzazione della preziosa Cappella dei Pazzi da parte di Brunelleschi e il magnifico chiostro grande rinascimentale. Ma Santa Croce è stata completata solo verso la metà dell’800, quando in stile neogotico e con scarsa originalità sono stati realizzati prima lo snello campanile in pietra arenaria sul fondo, poi la facciata in marmi bianchi e neri e quella del convento vicino.

Come ti ho già detto, Santa Croce fu la chiesa che subì il maggior numero di danni nella terribile alluvione di Firenze del 1966: la chiesa e il convento furono sommersi da un’onda alta cinque metri di fango, acqua, detriti e nafta. Era la quinta e più grave inondazione della sua travagliata storia.

 

CURIOSITÀ: In quanto luogo di sepoltura per eccellenza degli artisti, a Santa Croce sono sepolti anche uomini non credenti. Il più famoso è probabilmente il poeta Ugo Foscolo, che vi fu inumato ben 43 anni dopo la sua morte, nel corso di una cerimonia affollatissima.

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su