UFFIZI, STORIA

Durata file audio: 2.40
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Ciao, sono Eleonora, la tua guida personale, ed insieme a MyWoWo ti diamo il benvenuto ad una delle meraviglie del mondo.

Oggi ti accompagnerò nella Galleria degli Uffizi.

La Galleria degli Uffizi è uno dei musei più importanti del mondo!

Hai prenotato l’ingresso? Ti consiglio di farlo, se non vuoi affrontare una coda chilometrica! Con i suoi due milioni di visitatori all’anno e quattrocento anni di storia gli Uffizi sono la collezione d’arte più ammirata d’Italia. Anche se di recente è stata inaugurata un’ala nuova, le opere a disposizione del museo sono troppe per poterle esporre tutte!

Qui ti troverai di fronte ad alcune delle immagini fondamentali della civiltà occidentale, al meglio del meglio dell’arte italiana ed europea.

Devi sapere che il palazzo degli Uffizi non fu costruito per essere un museo. Faceva parte di un grandioso progetto urbanistico cinquecentesco voluto da Cosimo I de’ Medici, che consisteva nel riunire le varie magistrature fiorentine, dette “Uffici”, in un unico luogo. Fu poi il granduca Francesco I ad affidare a Bernardo Buontalenti il corridoio est del palazzo per trasformarlo in spazio dove conservare ed esporre dipinti e sculture: di questo primo nucleo del museo resta la preziosissima Tribuna, di cui ti parlerò in seguito. Il successore di Francesco I, suo fratello Ferdinando, portò agli Uffizi ricche collezioni di armi, dipinti e strumenti scientifici.

Già alla fine del ’500 il museo era visitato da personaggi illustri e ospiti dei Medici, e poco dopo vennero presi provvedimenti legali per vietare la vendita e l’esportazione delle opere d’arte. Nel corso del ‘600 la galleria continuò ad ampliarsi, sviluppandosi anche sul lato ovest. Il 1737 è l’anno dell’avvenimento fondamentale: Anna Luisa Maria, ultima discendente dei Medici, cede ai Lorena le raccolte d’arte di famiglia vincolandole alla città di Firenze e ponendo come condizione il divieto di venderle.

Alla fine del ‘700, periodo in cui il museo cominciò a prendere l’aspetto attuale, nelle quaranta sale del secondo piano i dipinti furono esposti suddivisi per scuole regionali, corredati da numerose sculture antiche, mentre furono istituiti nuovi musei specializzati per le diverse collezioni.

 

CURIOSITÀ: Bernardo Buontalenti, di cui ti parlavo a proposito del corridoio est degli Uffizi, era un tipo molto versatile, che si interessava anche di cucina. Si dice che sia stato lui a inventare una squisitezza che ha attraversato i secoli: il gelato!

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su