DUOMO DI MILANO, GIRO ESTERNO

Durata file audio: 2.22
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Per guardare il Duomo, ti consiglio di non fare come tutti: invece che dalla facciata, parti dal retro. La costruzione della chiesa è cominciata proprio da lì.

 

Sarai subito colpito dalle straordinarie decorazioni e dalle statue monumentali. È una mescolanza continua di architettura e scultura: se rimani stupito davanti alle enormi statue che sorreggono animali strani e mostruosi (in Francia e in Inghilterra vengono chiamati “gargoyles”) considera che oltre a una funzione decorativa hanno anche una funzione pratica: infatti sono delle grondaie e servono a far defluire l’acqua piovana. Quando ci sono delle violente piogge (e a Milano succede spesso!) trasformano il Duomo in una fantastica fontana.

 

Continua a camminare all’esterno del Duomo e noterai il numero e l’insolita dimensione delle finestre, tutte chiuse da vetrate dipinte e multicolori, cosa abbastanza insolita per una chiesa italiana. Il centro della chiesa fu realizzato alla fine del 400 e ci lavorarono molti celebri architetti, fra cui anche il grande Leonardo da Vinci. L’altezza è fenomenale: pensa che la volta, all’interno, raggiunge i 69 metri!

 

Non ci crederai, ma la costruzione del Duomo è durata più di 500 anni! Secolo dopo secolo, continuavano a modificare una parte, aggiungerne un'altra, e così via... c'è perfino un modo di dire milanese “lento come la Fabbrica del Duomo” per parlare di qualcosa che non finisce mai. Pensa che solo per terminare le cinque navate, i portali e la parte bassa della facciata ci sono voluti duecento anni! Se la struttura architettonica è sempre rimasta quella originaria, lo stile delle statue cambia col passare dei secoli, partendo dal gotico per arrivare fino all’arte contemporanea. La facciata fu completata solo alla fine dell’Ottocento, ma in pratica il lavoro non è mai stato interrotto.

 

CURIOSITÀ: noterai che nella facciata del Duomo ci sono 5 porte, mentre c’è una sola porta laterale. Fu san Carlo Borromeo a far murare la porta sul fianco opposto, dopo essersi accorto che molti milanesi utilizzavano il Duomo non per motivi religiosi ma semplicemente per...... passare più velocemente da un lato all’altro della piazza! 

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su