VILLA GIULIA, MUSEO

Durata file audio: 2.42
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Ma dopo averti parlato dell’edificio adesso ti racconto qualcosa sul contenuto, cioè il museo. Fu istituito alla fine dell’800 ed è dedicato alle altre civiltà italiche vissute al tempo dei Romani, soprattutto gli affascinanti Etruschi; per questo il museo è in continuo ampliamento, grazie ai nuovi ritrovamenti ma anche ai recuperi di materiali archeologici esportati illegalmente o rubati.

Come saprai, gli Etruschi hanno danno vita alla civiltà più importante della Penisola, prima di quella romana. Arrivarono dall’Europa sud-orientale intorno all’anno 900 a.C. e si distribuirono sulla parte centrale dell’Italia. I centri principali, da cui proviene la maggior parte dei pezzi che vedrai nel museo, erano città toscane e laziali esistenti ancora oggi come Arezzo, Volterra, Chiusi, Cerveteri e Tarquinia, ciascuna con propri poteri, caratteristiche e costumi.

Quasi tutto ciò che sappiamo della civiltà etrusca, le opere d’arte, le iscrizioni, le strutture edilizie, è legato ai ritrovamenti provenienti da strutture funerarie del mondo etrusco: cioè le necropoli, gli antichi cimiteri. Gli Etruschi davano grande importanza ai riti e alle tombe, nelle quali venivano anche deposti i tesori delle famiglie. Tieni presente che un tratto tipicamente etrusco è la presenza di ritratti realistici sulle urne e sui sarcofagi: questo gusto per la riproduzione fedele dei lineamenti e delle espressioni lo ritroverai intatto nell’arte romana. Ma per la conoscenza della vita quotidiana dell’epoca, le necropoli etrusche sono per noi una miniera: raffinati oggetti di bronzo di uso domestico, mobili, sedili, bracieri, specchi e altri effetti personali. Per esempio nel museo vedrai recipienti di forma ovale che servivano per tenerci indumenti, gioielli o accessori da toeletta, decorati con incisioni e dotati di quattro piedini d’appoggio e coperchi con piccole figure che fungevano da manici.

Oltre a sviluppare forme d’arte e decorazione originali, gli Etruschi sono stati anche molto aperti alle altre maggiori culture mediterranee: come vedrai qui al museo, nelle loro tombe sono stati trovati importantissimi corredi di vasellame greco, fra cui anche alcuni assoluti capolavori della ceramica dipinta, e inoltre oggetti egiziani, cartaginesi e mediorientali.

 

CURIOSITÀ: Molti nostri cibi sono stati inventati dagli Etruschi. Per esempio preparavano una pasta arricchita con vari elementi e cotta in forno che possiamo definire l’antenata della pizza. Poi salavano ed essiccavano la coscia di maiale salata, ottenendo qualcosa di molto simile al nostro prosciutto!

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su