CHIESA DI SAN PANCRAZIO, Presentazione

Durata file audio: 1.58
Italiano Lingua: Italiano

La Chiesa di San Pancrazio, risalente agli inizi del XIII secolo, è una delle più antiche di Tarquinia.

Oggi sconsacrata e adibita a mostre ed eventi, in passato ha rivestito un ruolo molto importante a livello sociale, in quanto vi si svolgevano le principali cerimonie ufficiali.

E’ costituita da un unico ampio spazio quadrangolare, coperto in origine da due volte a crociera rettangolari di struttura complessa, disposte trasversalmente, ma quella anteriore purtroppo è crollata. 

La facciata a capanna, su cui si intravvedono tracce di un portico che si estendeva per tutta la sua larghezza, è occupata sulla destra dalla poderosa torre campanaria, con due ordini di finestre bifore sovrapposte.

 

Di particolare interesse è il portale a sesto acuto, ornato da una cornice marmorea che conserva in alto una decorazione di lavorazione riconducibile ai marmorari romani detti Cosmati, composta da tessere vitree.

Sul fianco sinistro della chiesa puoi scorgere quello che, a prima vista, potrebbe sembrare essere un piccolo portale, con una decorazione a linee spezzate in stile normanno. In realtà si tratta di un arcosolio, cioè una sepoltura caratteristica comune delle catacombe e costituita da un'area sepolcrale incassata nella parete e sormontata da una nicchia.

Attorno alla chiesa di San Pancrazio puoi ammirare un gruppo di poderose case e ben quattro torri nobiliari del XII secolo, successivamente unite tra loro, che costituiscono il Palazzo dei Priori. Qui ha sede il Museo della ceramica che espone una collezione di interessanti ceramiche medievali.

Poco più avanti, sulla via chiamata, non a caso, Via delle Torri, ti imbatti in quella che un tempo si chiamava Piazza d’Erba. Questa lunga piazza, ora Piazza Verdi, in passato era l’antica sede del mercato. Buona parte del suo lato est è occupato dalla nobile mole di Palazzo Sacchetti, della prima metà del Seicento.

 

 

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su