MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE, Presentazione

Durata file audio: 2.02
Italiano Lingua: Italiano

Il Palazzo Vitelleschi, che oggi ospita il Museo Archeologico Nazionale, fu costruito, tra il 1436 e il 1439 per volere del cardinale Giovanni Vitelleschi, arcivescovo di Firenze, che raggiunse il vertice del potere e la sua fine, sotto papa Eugenio IV.

Nell’edificio, che riutilizza strutture medioevali, convivono forme tardogotiche e rinascimentali di tipo fiorentino, ben visibili nella facciata. Lo splendido cortile interno si apre per tutta la sua altezza con due logge abbellite da colonne di marmo e di granito che sorreggono un terzo piano su cui corre un loggiato, che si ripete sul prospetto maggiore.

All’ultimo piano del Palazzo puoi visitare la cappella e lo studio del cardinale, costituiti da due vani appaiati. La cappella presenta una piccola abside incorniciata da un elegante arco marmoreo su colonne, mentre lo studio è abbellito da affreschi con Cristo tra i dottori e, sulle pareti lunghe, allegorie delle virtù alternate a Storie di Lucrezia Romana, di un pittore noto come Maestro di Corneto.

Nel Museo puoi ammirare reperti che illustrano diverse epoche della civiltà locale, dal periodo pre-etrusco al periodo Arcaico e a quello Ellenistico, grazie ad una ponderosa mole di materiali ceramici, tra i quali spettacolari ceramiche corinzie e attiche a figure nere e a figure rosse del VI e del V secolo a.C.

I pezzi di maggior valore che potrai vedere sono i due cavalli alati in terracotta del IV-III secolo a.C. provenienti dal Tempio della Regina, sul colle di Tarquinia; l’ancora marmorea di Sostratos della fine del VI secolo a.C. proveniente da Gravisca, l’antico porto greco-etrusco, con un’iscrizione in alfabeto greco con dedica ad Apollo; i dipinti staccati da alcune tombe della necropoli di Monterozzi ed il sarcofago etrusco dipinto detto “del Magnate” della fine del IV secolo.

 

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su