CASTELLO, CATTEDRALE ESTERNO

Durata file audio: 2.31
Italiano Lingua: Italiano

Orgoglio del Castello, simbolo dell’intera città di Praga, luogo di custodia del tesoro reale boemo, la cattedrale di San Vito è un gioiello architettonico del gotico trecentesco europeo portato a termine, però, in seicento anni.

 

L’attuale edificio fu voluto dal re Carlo IV, in sostituzione di una più antica basilica romanica di cui è conservata la cripta come sepolcro dei re. A quell’epoca risale la parte di fondo, con il coro è l’abside.

E’ la zona più sacra, concepita come una stupenda struttura a tre navate con cappelle perimetrali dalle quali prendono slancio leggeri archi rampanti.

 

La costruzione fu avviata nel 1344 dal francese Mathieu d’Arras e proseguì a partire dal 1353 dall’architetto tedesco Peter Parler, autore della stupenda soluzione delle volte a nervature. Dopo la morte del re Carlo IV e di Parler, i lavori di costruzione subirono un rallentamento a causa delle guerre che devastarono la Boemia per tutto il Quattrocento. S’interruppero poi per oltre tre secoli, lasciando la Cattedrale a metà, all’altezza del braccio trasversale, con una parete provvisoria su cui era appoggiato un gigantesco organo, e ripresero finalmente nella seconda metà dell’Ottocento.

 

La cattedrale ha raggiunto il suo definitivo completamento nel 1929, con una saldatura tra la parte antica e quella moderna delle navate e la conclusione della facciata principale, stretta tra due alte e appuntite torri.

 

Il lato destro, di fronte al Palazzo Reale, è dominato dalla poderosa torre sud, alta 97 metri e chiusa da una piccola cupola barocca. All’interno, una vertiginosa scala a chiocciola, di quasi trecento scalini, conduce a una terrazza da cui si gode uno strepitoso panorama.

 

La Porta d’oro, a tre arcate, per lungo tempo usata come ingresso principale della cattedrale, prende il nome dal meraviglioso mosaico a tessere dorate eseguito intorno al 1370 da artisti veneziani e che raffigura il Giudizio Universale.

 

Curiosità: Le straordinarie “volte” di Peter Parler sono molto simili a quelle delle cattedrali gotiche inglesi, aprendo così una disputa tra gli storici dell’arte su chi ha imitato chi. È però ormai assodato che furono gli architetti inglesi a fine ‘300 ad essere influenzati dalla tecnica e dal design del geniale architetto tedesco Peter Parler.

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su