GALLERIA TRETYAKOV, Quadro Nero Di Malevic

Durata file audio: 2.41
Italiano Lingua: Italiano

Il celeberrimo Quadrato Nero di Kazimir Severinovič Malevič è considerato una delle tele più importanti della pittura astratta e dell’intera arte occidentale del ‘900. L'opera infatti viene frequentemente citata da critici, storici, curatori e artisti come il “punto zero della pittura", facendo riferimento al valore storico del dipinto.

Malevič, nato a Kiev in Ucraina nel 1879 e morto a Leningrado, l’attuale San Pietroburgo nel 1935, dipinse una prima versione di questa insolita tela nel 1915. Il dipinto venne esposto per la prima volta nello stesso anno nella galleria privata Dobycina di San Pietroburgo in occasione della Ultima Mostra Futurista 0.10.

Devi però sapere che Malevič ne fece anche altre quattro varianti, delle quali l'ultima dipinta probabilmente durante i tardi anni '20 o primi anni '30, e non nel 1913 come indicato da un’incisione dell'autore posta sul retro.

Per comprendere il significato del Quadrato Nero bisogna pensare al periodo in cui è stato dipinto. Agli inizi del ‘900 infatti la pittura, anche se attraversava un periodo di grande evoluzione, era ancora legata alla rappresentazione del reale e della natura, sebbene alcuni artisti, come gli impressionisti o gli espressionisti, non si limitassero a ritrarre in modo realistico e fotografico.

L’opera di Malevič viene considerata rivoluzionaria proprio perché non ritrae nulla, se non il colore. Infatti Malevič era convinto che le forme pittoriche non debbano derivare da modelli preesistenti, e neppure dalla nostra percezione, ma che la creazione artistica debba fondarsi sulla riflessione attorno agli elementi stessi della pittura, e in particolare attorno al colore, privato però di ogni contenuto estetico o simbolico. L’arte ha un valore di per sé e non in quanto riproduzione del mondo. Per questo molti critici ritengono che Malevic abbia dato il via all’astrattismo.

 

Curiosità: Devi sapere che Malevič non fu né il primo né l’unico artista a dipingere dei quadrati neri. Ad esempio, molto prima di lui, nel 1617, Robert Fludd dipinse un quadro dal titolo "La grande tenebra" e nel 1843 il pittore francese Bertall realizzò "Veduta di La Hougue" (effetto notte) dove il colore nero oscurava tutto.

 

Finisce qui la nostra visita alla Galleria Tret’jakov, MyWoWo ti ringrazia e ti dà appuntamento a un’altra Meraviglia del Mondo.

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su