ESCORIAL, VISITA

Durata file audio: 2.45
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

La visita dell’Escorial ti può prendere anche un giorno intero, se vuoi vedere tutti gli ambienti storici, gli appartamenti, gli edifici sacri e i ricchi musei; ma se hai poco tempo puoi limitarti alla chiesa e agli ambienti circostanti.

Per visitare l’interno, seguimi sul lato sinistro dell’edificio. Il tuo itinerario comincia con la lunga Galleria delle battaglie, affrescata da pittori italiani con motivi ornamentali all’antica e due battaglie vittoriose lungo le pareti.

Da qui ti sposti nel Palazzo d’estate, sede di musei magnifici. Al primo piano puoi vedere il Museo de Pintura/Museo di pittura che è una pinacoteca di grande qualità, con dipinti sacri di scuola veneta (Tiziano, Veronese, Tintoretto), fiamminga (dai grandi maestri del ’400 fino a Rubens e Van Dyck) e naturalmente spagnola, con Ribera, Alonso Cano e Zurbaràn.

Poi scendi al Museo de Arquitectura/Museo di architettura, dove trovi progetti e documenti sulla storia di questo posto, e dove posso mostrarti il dipinto più importante e controverso dell’intero Escorial.

 

Adesso metti in pausa e vai al Martirio di San Maurizio di El Greco.

 

Questo capolavoro di El Greco fu dipinto su ordinazione del re Filippo II. Con questa grande composizione di quattro metri e mezzo per tre l’artista di origine cretese, che aveva studiato in Italia e da poco si era trasferito in Spagna, sperava di diventare stabilmente il pittore di corte, o almeno di entrare nella cerchia dei fornitori del re. Invece Filippo II rifiutò l’opera, infastidito dai colori fosforescenti e dalla magica drammaticità dell’affollata scena.

Per capire il gusto austero di Filippo II, devi recarti nel vicino Palacio a visitare gli appartamenti della famiglia reale. Le sale più interessanti sono quelle di ricevimento, decorate con vedute dei palazzi imperiali, carte geografiche dell’immenso impero asburgico e dipinti di battaglie. L’ultimo appartamento, al secondo piano, è quello abitato da Filippo II fino alla morte. Come noterai subito, il terzo piano, arredato nel ’700 per i Borboni, è molto più ricco di decorazioni, mobili e comodità.

 

CURIOSITÀ: Filippo II morì all’Escorial nel 1598 a soli 61 anni: era talmente religioso che aveva fatto collocare strategicamente il suo letto in modo da poter assistere fino all’ultimo alle funzioni celebrate nella chiesa.

 

 

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su