GIARDINO BOTANICO MADRID, Introduzione

Durata file audio: 2.39
Autore: STEFANO ZUFFI E DAVIDE TORTORELLA
Italiano Lingua: Italiano

Ciao, sono Eleonora, la tua guida personale, ed insieme a MyWoWo ti diamo il benvenuto a una delle meraviglie del mondo.

Oggi ti accompagnerò nella visita del Giardino Botanico.

Il Giardino Botanico è uno dei luoghi più strabilianti di Madrid!

L’ingresso centrale del giardino è la Puerta del Rey, costruita dall’architetto siciliano Francesco Sabatini verso la fine del ’700. Se ti domandi perché è chiusa, sappi che si apre esclusivamente per i membri della casa reale; l’ingresso per i comuni mortali è quello laterale, da cui sei sicuramente entrato, ovvero la Puerta de Murillo.

Questo giardino fu progettato per riunire tutte le specie vegetali che erano state raccolte nelle spedizioni scientifiche oltreoceano. Soprattutto in primavera, ti ritrovi sommerso dai colori e dai profumi di oltre cinquemila esemplari, distribuiti su otto ettari di livelli terrazzati.

La prima che ti trovi davanti è la Terraza de los Cuadros/Terrazza delle aiuole, con aiuole decorate con fontanelle centrali e occupate da piante ornamentali da esterno come dalie, camelie e tulipani, oppure da specie aromatiche, medicinali e commestibili. Ti segnalo in particolare il magnifico roseto che fiancheggia il paseo del Rey, il viale principale.

 

Adesso metti in pausa e vai alla Terraza de las Escuelas Botánicas/Terrazza delle scuole botaniche.

 

Nella Terrazza delle scuole botaniche puoi scoprire l’ordine cronologico in cui le varie famiglie di piante sono apparse sul pianeta. Qui troverai vere e proprie rarità. In fondo arrivi alla parte più scenografica e romantica di tutto il giardino: la Terraza del Plano de la Flor/Terrazza del fiore, dominata da un padiglione neoclassico che si affaccia su un pittoresco laghetto, fra la rotonda dei banani e castagni di India e quella dei tigli.

La tua visita finisce alla Terraza de los Bonsáis/Terrazza dei bonsai, la più recente del giardino, dove puoi ammirare un centinaio di piante in miniatura, esposte su piedistalli come opere d’arte.

 

CURIOSITÀ: Se piove ti puoi rifugiare nella suggestiva e umidissima Estufa de Graells, che fu costruita a metà dell’800 come ricovero per le palme.

Finisce qui la nostra visita del Giardino Botanico di Madrid: MyWoWo ti ringrazia e ti dà appuntamento a un'altra Meraviglia del Mondo!  

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su