TREVIGLIO, STORIA

Durata file audio: 3.01
Autore: Liceo Giovanni Falcone Bergamo
Italiano Lingua: Italiano

Ciao, io sono Lucia, e insieme a MyWoWo sarò la tua guida per Treviglio.

 

Treviglio è una piccola città in provincia di Bergamo. La sua origine non è certa ma probabilmente nasce subito dopo la caduta dell’impero dall’aggregazione di tre ville, che ingranditasi fino ad un numero considerevole di abitanti, si raggrupparono e in epoca alto medievale costruirono un recinto fortificato per delimitare la zona e proteggersi. Le tre ville rimasero autonome solo fino all’anno 1000 quando si riunirono definitivamente per formare un comune che divenne poi libero nel 1225. Treviglio era un borgo prospero e ricco che nell’undicesimo secolo era circondato da un triplice fossato ed era accessibile da quattro porte. Simbolo di Treviglio è la basilica di San Martino che si trova nel centro della città e nasce proprio in questo periodo come centro religioso ma anche di ritrovo. Annessa alla basilica si trova la torre campanaria.

 

Durante il secolo XV il borgo si trova in mezzo agli scontri fra il ducato di Milano e la repubblica di Venezia essendo così sottoposta alternativamente al dominio milanese e a quello veneziano. Nonostante Venezia avesse permesso di costruire delle mura per proteggere la città, il piccolo borgo si rifiutò di aiutare la serenissima che L’8 maggio 1509, attaccò, saccheggiò e bruciò Treviglio. Nel 1522, durante la guerra tra francesi e spagnoli, Treviglio rischiò nuovamente di essere devastata ma scampò alla distruzione.

 

Secondo la leggenda il generale francese Odet de Foix risparmiò la città dopo che vide l’affresco della Madonna lacrimare e depose sotto il dipinto il suo elmo e la sua spada.  Dopo questo miracolo, i trevigliesi decisero di costruire il santuario della beata vergine delle lacrime dove sono tuttora conservati L’affresco della madonna e le armi del generale. I lavori iniziarono nel XVII secolo ma continuarono fino al 1921.

 

Il comune rimase ricco fino alla metà del ‘700, quando, sommerso dai debiti, fu costretto a vendere le mura che avevano ormai perso il loro scopo difensivo. Grazie alla vendita delle mura, Treviglio fu in grado di costruire una linea ferroviaria che favorisce lo sviluppo e l’industrializzazione del comune.

 

A cinque minuti da Treviglio troviamo la località di Castel Cerreto con il Bosco del Castagno, dove si può passeggiare e scoprire varie specie di alberi e fiori. E’ possibile vedere anche degli animali, come la volpe, la donnola e il pipistrello nano. Il percorso all’interno del bosco è dedicato alla memoria della prima donna africana ad aver ricevuto il premio nobel per la pace.
Annesso inoltre troviamo la grotta della Madonna del Bosco, la riproduzione della Madonna di Lourdes.


Se ti è capitato di vedere il film L'albero degli zoccoli, riconoscerai sicuramente le cascine che sono state impiegate in passato per girare alcune scene di questa pellicola.

Scarica gratis MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su