LE MERAVIGLIE A TAVOLA SAN PIETROBURGO, Introduzione

Durata file audio: 2.30
Italiano Lingua: Italiano

Ciao, sono Emiliano la tua guida personale ed insieme a MyWoWo ti diamo il benvenuto ai meravigliosi sapori della cucina di San Pietroburgo.

San Pietroburgo è una grande città ideale per assaggiare i piatti tipici della cucina russa.

La maggior parte delle ricette che puoi gustare sono diffusissime in tutta la nazione, ma puoi trovarne un’infinità di varianti. Un accompagnamento classico di qualsiasi piatto sono lo yogurt e la panna acida che riescono a dare un tocco in più a qualunque portata.

Tra gli antipasti ci sono i Blini, piccoli pancake eccellenti con salmone affumicato e caviale, e gli Zakuski, un mix di assaggi di caviale, pesce affumicato, sottaceti, carne salata o aringhe.

Il piatto più diffuso sono in assoluto le zuppe, calde o fredde, a base di carne o di pesce e sempre ricche di verdure e spezie. La principale è il Borsch, a base di barbabietola, ma puoi provare anche la Solyanka dal gusto agrodolce, nelle varianti con carne, con pesce o con funghi, resa davvero gustosa dai cetriolini in salamoia.

L’ideale in estate è la Okrochka, una zuppa di verdure cotte e crude, arricchita a volte da carne, servita fredda e preparata con un ingrediente particolarissimo: la Kvass una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione del pane di segale.

Vuoi assaggiare un altro ingrediente davvero interessante? Allora ti consiglio la zuppa Kharcho preparata con purè di mirabolano, una particolare varietà di prugne. E’ fatta con riso e con carne di manzo, di agnello o di oca.

Un’alternativa alle zuppe sono i Pelmeni, ravioli ripieni di carne, cucinati in brodo, fritti o con varie salse.

Per quanto riguarda i secondi la specialità per antonomasia di San Pietroburgo è il Manzo alla Stroganoff, filetto tagliato a strisce e cotto con panna fermentata, cipolle e funghi. Fu creato nel 1891 da Charles Briere, chef del Conte Stroganoff.

Sono tipici della città anche i Koryushka, pesciolini fritti pescati proprio nel fiume Neva.

Per finire devi assaggiare uno dei dolci più tipici: il Kissel, una morbida gelatina a base di frutti rossi come more, fragole o mirtilli, servito con frutta fresca.

 

Curiosità: pensa che il Kissel è un dolce antichissimo risalente a quasi mille anni fa. Oggi sicuramente è molto più buono, infatti originariamente si otteneva dalla fermentazione di avena o piselli.

 

Che dire… Buon appetito!

 

Scarica MyWoWo! La Travel App che ti racconta le meraviglie del mondo!

Condividi su